Come passare al Protocollo https (velocemente e senza problemi)

Da un po’ di tempo tutti parlano della questione https e per molti sta diventando un incubo. Se sei qui sicuramente anche tu avrai sentito parlare del protocollo https e te ne starai preoccupando, quindi non voglio dilungarmi troppo per spiegare la questione e voglio subito darti la soluzione più immediata e indolore!

Unica nota dolente è che questa guida vale solo per chi, come me, ha un sito fatto con wordpress ed ospitato su server Siteground (che più volte ho consigliato).

Già! Perché a breve ti riconfermerò ancora una volta quanto è grandioso questo servizio e se non ce l’hai e devi fare il passaggio ad https forse potrebbe essere il momento giusto per valutarlo.

Considera che molti fanno pagare questo passaggio e non ti offrono nessuna assistenza, Siteground non solo ti dà tutto gratis ma ti ha anche reso tutto più semplice (basta un clic) come vedremo a breve.

Ma veniamo a noi, breve premessa per chi ancora sa poco in merito all’argomento di oggi (se vuoi puoi saltare questo passaggio ed andare direttamente al prossimo paragrafo).

Premessa

Il protocollo https, a differenza di quello http, è usato per la navigazione sicura, una garanzia in più soprattutto per i siti in cui avvengono pagamenti (per evitare che Hacker e script malevoli possano rubare in qualche modo dati, password ecc).

Da diverso tempo Google sta spingendo tutti verso il passaggio ad https e pian piano lo ha, praticamente, quasi imposto. Come? In due modi:

1) Perdite di posizioni in SERP per chi non si adegua

2) Chi non ha il protocollo https è segnalato su Chrome come sito non sicuro

Inutile dire che questi due punti bastano per spingere molti operatori ad adeguarsi…

Ma qual è il problema? Perché questo passaggio mette in crisi tanti operatori?

I motivi sono vari:

  • possibili problemi di url rotti o non funzionanti
  • immagini che potrebbero non vedersi più
  • plugin che potrebbero non funzionare
  • perdita dei back link in entrata (con tutto quello che ne consegue lato SEO)
  • e… la nota più dolente… contatori social azzerati!

Tutto questo semplicemente perchè:

http://www.tuosito.it è diverso da https://www.tuosito.it

1)  per Google sono due siti diversi

2) ovviamente, tutti gli url in entrata e in uscita, le immagini e le diverse chiamate a link dei vari script, plugin, social ecc… non trovando più corrispondenza (il vecchio link che cominciava con http) vanno in errore.

Per risolvere tutto questo c’è bisogno di competenze specifiche e tempo, bisogna impostare dei redirect 301, controllare tutti i link interni e quelli in entrata per assicurarsi che tutto fili liscio e saper mettere le mani in un file che si chiama htaccess.

Insomma, una bella gatta da pelare!

Ma non per chi, come me, ha un sito in wordpress ospitato su Siteground.

Eccoci al dunque…

Come passare ad HTTPS (con un solo clic) grazie a Siteground

Scarica e installa il plugin gratuito SG Optimizer, dal menù di WordPress clicca sulla nuova voce “SG Optimizer” e poi su HTTPS Config, troverai una schermata simile:

forza https

Fai un clic per attivare la funzione Force HTTPS ed il gioco è fatto! 😀

sito sicuro

(per vedere il tuo nuovo protocollo sloggati e riloggati dal pannello di wordpress).

Naviga tutto il sito ed assicurati che tutto sia ok, a me è capitato che solo le pagine degli articoli non risultassero del tutto sicure. Vedevo questa immagine:

non sicuro

Ho contattato l’assistenza Siteground e mi hanno consigliato di installare questo secondo plugin: SSL Insecure Content

Una volta installato dal pannello di WordPress vai in impostazioni, SSL Insecure Content e prova a risolvere il problema da lì. Nel mio caso (dopo aver provato vari settaggi) ho impostato tutto su “Cattura” e, come per miracolo, anche su gli articoli è comparso quel bel lucchetto verde!

plugin-ssl

Ma c’è un piccolo problema… i contatori social? Dove sono finiti?

emoticon pensieroso

Come ti avevo detto, uno dei problemi principali del passaggio sarebbe stato quello che, a causa di vari dettagli tecnici, i contatori social si sarebbero azzerati.

Inutile stare qui a dirci quanto sudore abbiamo speso per quei numeretti e quanto siano fondamentali per la riprova sociale del nostro lavoro, sappiamo tutti che un blog senza condivisioni è triste, poco credibile e meno attraente.

Quindi? Come fare? Confesso che questa era l’unica nota dolente che continuava a bloccarmi dal fare il passaggio.

Un giorno ne parlavo via email con il mio amico e collega Francesco Panico che, come per miracolo, un paio di giorni dopo mi invia un’email… Ferdinando ho risolto!

Francesco si è messo lì con una santa pazienza e si è messo a cercare una soluzione. Ha trovato un plugin che, una volta installato, in pochi giorni recupera tutti i contatori dei vari articoli del blog. Fantastico!

Una òla per Francesco! 😀

Unico punto dolente è che questo plugin (che si chiama Social Warfare) costa 29 € all’anno ma, onestamente, non ci ho pensato due volte e finalmente ho fatto questo benedetto passaggio.

Non si può mica bloccare la crescita di un progetto a cui stai lavorando da anni per 29 €?

Su… di cosa stiamo parlando…

Tra l’altro se anche tu, come me, fai affiliate marketing sarai felice di sapere che il plugin ha un programma di affiliazione e che, con un po’ di buona volontà, potresti recuperare facilmente i soldi investiti.

Ovviamente se userai questo sistema per passare ad https usa il mio link!

A te non cambia niente e a me fa recuperare il lavoro che è sotto i tuoi occhi 😉

Social Warfare

Social Warfare è un comune plugin social ma con una funzione in più, “Social recover”, attivandola è possibile recuperare i nostri contatori social e persino quelli di twitter!

Attivando questa funzione, il plugin fa due diverse richieste ai vari social per verificare quante volte ogni singolo articolo è stato condiviso.

Una richiesta per l’url che inizia con http, l’altra per l’url (dello stesso articolo) che inizia con https.

Una volta ottenuti i dati, i numeri vengono sommati e mostrati insieme.

Attivare Social Warfare e recuperare le condivisioni social

Per attivare il plugin scarica la versione gratuita e installala, subito dopo acquista e installa anche la versione pro.

Completate le installazioni, devi attivare l’account Premium entrando nel tuo pannello WordPress e cliccando sulla nuova voce “Social Warfare” del menù.

Entra nella sezione Registration, inserisci la tua email e tutte le funzioni della versione pro saranno sbloccate.

Ora non ci resta che attivare la funzione del Social Recovery andando nella sezione Advanced, nel pannello delle impostazioni e cliccando su Activate Share Recovery.

Più in basso, imposta il parametro Previous Connection Protocol su http e salva.

warfare

Recupero dei contatori Twitter

  1. Vai sul sito newsharecounts.com e inserisci l’indirizzo principale del tuo blog
  2. Clicca su Sign in with Twitter, torna nel pannello WordPress e vai di nuovo alle impostazioni di Social Warfare
  3. Nella sezione Registration, attiva l’opzione Tweet counts

twittercounts

Tutto qui, in pochi semplici passaggi ci siamo lasciati definitivamente la questione http alle spalle 🙂
Occhio! Il processo del recupero dei contatori social richiede qualche giorno per concludersi definitivamente, quindi non allarmarti se non vedi subito le tue condivisioni.

Ultima nota: Se hai (come spero) Google Analytics e Search Console per monitorare il tuo sito, vai a creare una nuova proprietà per la versione https in search console e vai in Analytics, amministrazione, proprietà e impostazioni proprietà per impostare il protocollo https.  

Un grazie a Siteground, Social Warfare e al mio amico Francesco Panico di blogfacile.net (da cui ho preso in prestito qualche passaggio di questa guida).

Spero di esserti stato utile e, se credi che lo merito, ti invito a commentare e condividere questa risorsa. 😉
Grazie e alla prossima!

Se lo desideri, contattami per una consulenza SEO

Ferdinando Signorelli

Consulente Web Marketing specializzato strategie e sviluppo di business online. In 10 anni ho lavorato per diverse web agency e agenzie di comunicazione per poi creare marketingadvsignorelli.it. Se hai delle idee ma non sai da dove cominciare o hai già intrapreso un cammino ma non hai risultati, allora sei nel posto giusto! Studia i miei corsi o chiedimi delle consulenze. Le mie skills principali? SEO, SEM, Copywriting e sviluppo di piani di comunicazione strategica, Blogging, Email Marketing ed Info-Business.